Marino con la scorta. Viminale: “È a rischio”. Sul Campidoglio flash mob di solidarietà

Marino con la scorta. Viminale: “È  a rischio”. Sul Campidoglio flash mob di solidarietà

Il sindaco di Roma, Ignazio Marino alla fine ha ceduto e sotto le ‘pressioni’ di Prefettura e Questura, ha accettato nella giornata di venerdì la scorta. La decisione arriva dopo la riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza, nel corso del quale è stato appunto disposto un “rafforzamento del dispositivo di tutela a favore del Sindaco di Roma, Ignazio Marino” dopo le minacce ricevute nei giorni scorsi sotto forma di lettera accompagnata da un proiettile, minacce che sono state ritenute dal Viminale più che credibili.

Intanto nel pomeriggio di un venerdì carico di tensioni, Piazza del Campidoglio si è popolata per un flash mob questa volta di sostegno al sindaco. La manifestazione è iniziata sulle note di “Marino tu devi restare”, rivisitazione della celebre canzone “Marina”. Il flash mob è nato spontaneamente su Facebook alcuni giorni fa. La manifestazione ha poi visto l’adesione di alcuni circoli Pd e della ‘Lista Civica Marino’. I manifestanti, quasi tutti muniti di un poster bianco con scritto ‘Io sto con il sindaco Marino’ si sono assiepati sotto la statua del Marco Aurelio mentre le forze dell’ordine hanno presidiato discretamente la piazza. “Il sindaco deve andare avanti” ripetevano come un mantra i manifestanti, arrivati da tutta la città. In piazza anche il deputato Pd Marco Miccoli, i consiglieri comunali Annamaria Cesaretti e Athos De Luca, nonché il vice presidente dell’Assemblea Capitolina, Franco Marino. “La manifestazione è nata spontaneamente, nel modo più semplice possibile, per confermare la fiducia al nostro primo cittadino che viene criticato da tutti salvo che dai cittadini romani che tengono alla città, al decoro e soprattutto all’onesta”, ha spiegato Danilo Amelina, coordinatore della ‘Lista Marino’ e pochi minuti dopo l’inizio della manifestazione sono arrivati, oltre al vicesindaco Nieri, l’assessore alle Attività Produttive, Marta Leonori, l’assessore alla Legalità, Alfonso Sabella, e l’assessore ai Lavori Pubblici Maurizio Pucci. In piazza anche tanti consiglieri comunali di maggioranza. Poi l’arrivo del sindaco, accolto con una vera e propria standing ovation. I manifestanti lo hanno letteralmente circondato d’affetto con cori da stadio incitandolo a non mollare. La piazza, malgrado lo sciopero dei trasporti pubblici, che certamente non ha fatto bene alla mobilitazione, ha accolto molte centinaia di cittadini.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.