Cgil, Cisl e Uil, giovedì in piazza per i lavoratori a rischio delle Province

Cgil, Cisl e Uil, giovedì in piazza per i lavoratori a rischio delle Province

“Il decreto enti locali mette a rischio ambiente e politiche del lavoro. Per questo Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl promuovono per giovedì 25 giugno a Roma un presidio nazionale in piazza Montecitorio a partire dalle ore 10. Al centro della protesta il decreto legge appena approvato dal governo che, per le categorie di Cgil, Cisl e Uil,“pone in serio pericolo il destino della polizia provinciale e la tenuta dei centri per l’impiego”. Lo comunica, in una nota, la Cgil-Cisl-Uil.

“Per contrastare quanto previsto dal provvedimento del governo, e per difendere le professionalità e i servizi offerti ai cittadini – prosegue la nota – Fp Cgil Cisl Fp e Uil Fp chiedono un percorso vero di riordino delle funzioni provinciali. I sindacati, infatti, sul fronte lavoro, puntano il dito contro un governo che “ancora una volta ha perso l’occasione di risolvere il problema dei precari degli enti che hanno violato il patto di stabilità”, mentre nel dettaglio di quanto previsto dal dl enti locali chiedono “che sia profondamente rivisto nei punti che riguardano la polizia provinciale e i centri per l’impiego”.

Sul primo punto osservano: “Il passaggio della polizia provinciale ai comuni determina la dispersione del patrimonio di competenze in materia di tutela ambientale”; per quanto riguarda invece il riordino dei Centri per l’impiego sostengono sia “fatto con risorse insufficienti tali da comportare rischi per i servizi e per la tenuta occupazionale”. Per questo Fp Cgil Cisl Fp e Uil Fpl, che hanno chiesto di essere ricevuti dai gruppi parlamentari di Camera e Senato, saranno in piazza domani per un presidio nazionale in piazza Montecitorio, a partire dalle ore 10.

Share

Leave a Reply