Attacco jihadista in una fabbrica in Francia, un morto e feriti. Allarme anche in un resort turistico in Tunisia

Attacco jihadista in una fabbrica in Francia, un morto e feriti. Allarme anche in un resort turistico in Tunisia

Una persona ha perso la vita e molte altre sono rimaste ferite in un attentato di matrice jihadista in Francia. Un uomo (o due) a bordo di un’auto ha fatto irruzione nell’ impianto di gas industriale Air Products a Saint-Quentin-Fallavier e ha fatto una gimkana, cercando di colpire bombole di gas e ha provocato un’esplosione. Un uomo, immediatamente dopo l’arrivo della polizia, sarebbe stato trovato a terra decapitato ed accanto al corpo un bandiera dell’Isis. Nel corso dell’irruzione della Polizia un uomo è stato arrestato e sarebbe, secondo le prime notizie, legato ad ambienti jihadisti, anche se in Francia negli ultimi mesi, non avrebbe avuto comportamenti tali da far scattare l’allarme. Il presidente francese, Francois Hollande, ha confermato che l’attentato compiuto stamane nel complesso industriale dell’Isere, è di natura “terroristica” e ha aggiunto che l’uomo arrestato è stato identificato. Hollande, che ha parlato da Bruxelles a margine del summit europeo e ha detto che tutti i leader europei presenti a Bruxelles gli hanno espresso solidarietà “perché sanno che potrebbe accadere altrettanto nei loro Paesi”. “Non bisogna cedere alla paura”, ha sottolineato Hollande, che rientrerà immediatamente a Parigi “l’emotività – ha detto ancora Holande- non può essere la sola risposta”. Contemporaneamente, in Tunisia, un attacco è stato condotto contro un sito turistico frequentato da occidentali, in particolare europei. Sulla dinamica dell’azione, che sembrerebbe anche questa di matrice jihadista, non ci sono particolari.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.