Mercantile turco attaccato davanti alle coste libiche. Morto il comandante e un marinaio, decine i feriti

Mercantile turco attaccato davanti alle coste libiche. Morto il comandante e un marinaio, decine i feriti

Un cargo turco è stato attaccato al largo delle coste libiche. A bordo sarebbero rimasti uccisi almeno due marinai e tra questi il Comandante, ma i feriti sarebbero almeno una decina. La nave, secondo le prime ricostruzioni, era a 13 miglia dal porto di Tobruk in acque internazionali. Malgrado l’attacco, il cargo sarebbe ancora in navigazione. Immediate le reazioni del Governo di Ankara che parla di ‘atto criminale’. “Condanniamo fortemente questo spregevole attacco – si legge in una nota ufficiale del ministero degli Esteri turco- che ha preso di mira una nave civile in acque internazionali e malediciamo quelli che lo hanno condotto”. Ora dopo quello che non sarebbe da considerarsi un incidente ma un attacco deliberato, si teme una reazione da parte del Governo turco. Inutile dire che c’è confusione su chi materialmente abbia condotto l’azione militare, visto che sono due i Governi in Libia: il primo con legittimazione internazionale, quello di Abdullah al Thani, che recentemente aveva deciso di interrompere le relazioni con Ankara a causa del suo presunto sostegno a gruppi ribelli islamisti attraverso l’invio di armi, cacciando dal Paese le aziende turche. Ed il secondo, non riconosciuto e che avrebbe solidi rapporti con le frange più estreme delle forze islamiste. Secondo un media libico il “Cargo sarebbe stato colpito in acque territoriali libiche nei pressi del porto di Derna”, la città-califfato dell’Isis, violando un embargo sulla fornitura di armi. Il cargo aveva violato l’embargo imposto dall’esercito su questa regione situata fra due punti ad est e ovest della città, l’aviazione ha bombardato il cargo mentre continuava a procedere verso la costa di Derna ed era arrivato a una distanza di 10 miglia”. Per chiarire meglio la vicenda, la Turchia sostiene il governo di Tripoli avversando quello di Tobruk (a sua volta sostenuto dall’Egitto) e quanto all’attacco, sarebbe stato compiuto dall’aviazione fedele al Governo di Tobruk.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.