Blatter resta al suo posto malgrado gli scandali. Amara sconfitta per le Federazioni calcistiche guidate da Platini

Blatter resta al suo posto malgrado gli scandali. Amara sconfitta per le Federazioni calcistiche guidate da Platini

L’inossidabile Joseph Blatter, malgrado la doppia inchiesta giudiziaria (Fbi/Usa e Polizia Svizzera) che lo ha letteralmente accerchiato, con una serie di arresti di grande rilevanza nel calcio mondiale, riesce a mettere insieme i voti necessari per sconfiggere e costringere alla resa l’unico candidato che gli si era opposto, il principe Alì Bin Al-Hussein di Giordania, che ha deciso di ritirarsi dopo i numeri della prima votazione. Blatter, infatti ha incassato 133 voti, non sufficienti alla prima votazione, ma assolutamente sufficienti al secondo turno, quando per l’elezione sarebbe bastata la maggioranza semplice. Ecco allora la decisione del Principe di Giordania di ritirarsi, spalancando la porta per l’ennesimo mandato al signore del calcio mondiale. La vittoria di Blatter è una sconfitta per i vertici europei della pedata, per gli Stati Uniti e per il Canada gli unici, tranne qualche caso isolato in altri continenti, ad appoggiare il principe giordano. Blatter, infatti, è riuscito a calamitare le federazioni dell’est Europa, la Russia, il Sud America e gran parte dell’Africa. Tra gli illustri sconfitti le Roi Michel Platini, Presidente della Uefa e l’italiano Tavecchio, Presidente della nostra Figc.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.