“Faremo del Sudamerica il giardino della Cina”. Firmati gli accordi tra Brasile e Cina per 50 miliardi di dollari

“Faremo del Sudamerica il giardino della Cina”. Firmati gli accordi tra Brasile e Cina per 50 miliardi di dollari

La Cina ha siglato, martedì 19 maggio, con il Brasile un ambizioso piano di investimenti per 50 miliardi di dollari in diversi settori dell’economia del gigante emergente sudamericano, nel corso di una visita ufficiale a Brasilia, del primo ministro Li Keqiang. Pechino e Brasilia hanno firmato 35 accordi economici, nel quadro di un “piano d’azione comune” fino al 2021, in particolare nelle infrastrutture, nell’energia e nei trasporti. La presidente del Brasile, Dilma Rousseff, ha sottolineato l’importanza di concretizzare gli studi di fattibilità di un progetto faraonico di “trasporto ferroviario e marittimo” che collegherà le due sponde sudamericane degli Oceani, Atlantico e Pacifico, dal Brasile al Perù, per il trasporto di materie prime brasiliane come la soia e minerali ferrosi verso la Cina. Il progetto rappresenta da solo “30 miliardi di dollari d’investimenti”, ha indicato il ministro brasiliano dell’industria e del commercio con l’estero, Armando Monteiro.

“Il cortile degli Stati Uniti sta per diventare il giardino della Cina e non solo in Brasile ma in tutta l’America Latina”, ha dichiarato all’Agenzia France Press Charles Tang, presidente della Camera di Commercio Brasile-Cina. Gli scambi commerciali tra la Cina e il Brasile si sono moltiplicati per 25 volte in poco meno di dieci anni, passando da 3,2 miliardi di dollari nel 2001 a 83 miliardi di dollari nel 2013. Nel 2009, la Cina è diventata il primo partner commerciale del Brasile, davanti agli Stati Uniti.

Brasilia e Pechino hanno anche portato a termine un accordo da 1,3 miliardi di dollari per l’acquisto di 22 jet commerciali prodotti dalla brasiliana Embraer e venduti alla cinese Tianjin Airlines, mentre la brasiliana Vale, il più grande produttore di ferro al mondo, ha annunciato di aver esteso la cooperazione con la Cina per il trasporto marittimo di materiali ferrosi. La Vale dice di aver esteso un accordo preesistente vendendo quattro cargo navali alla China Merchants Energy Shipping, senza però aver fornito le cifre dell’accordo.

Facilitare il movimento delle importazioni dal Brasile – e analogamente quello delle esportazioni in America Latina – è un obiettivo strategico per la Cina. Questa strategia è alla base del progetto di ferrovia da 10 miliardi di dollari interamente finanziato dai cinesi. Questo progetto imponente che collegherà il Brasile al Perù, passando per l’Amazzonia, ha già sollevato numerose perplessità sull’impatto ambientale. Tuttavia, il governo brasiliano di Rousseff non teme le critiche. Anzi, il ministro Monteiro confessa “se consideriamo la capacità d’investimento brasiliana, allora un progetto di queste dimensioni è ovviamente ben giustificato”.

Share

Leave a Reply