Attacco talebano a Kabul. Muore un italiano e la sua fidanzata, almeno 16 le vittime

Attacco talebano a Kabul. Muore un italiano e la sua fidanzata, almeno 16 le vittime

Ancora un attacco dei talebani in Afghanistan. I militanti vicini ad al Qaeda, hanno preso di mira uno degli unici alberghi frequentato da stranieri e purtroppo tra le vittime, c’è anche un cittadino italiano, Alessandro Abati, insieme alla sua fidanzata, una cittadina kazaka di 28 anni che avrebbe dovuto sposare in Italia nei prossimi giorni. Abati, 48 anni, era consulente di un’agenzia di investimenti, ed era a Kabul per sviluppare alcuni progetti di cooperazione internazionale. Proprio in questi giorni, la Nato, nel corso di un vertice in Turchia, aveva deciso di prolungare la sua presenza in Afghanistan, garantendo un pieno appoggio al Governo di Kabul ed alle forze lealiste riconosciute dalla comunità internazionale. Nel corso dell’attacco talebano le vittime sono state almeno 16, non è chiaro ancora se alcuni dei feriti, giunti in ospedale in condizioni critiche, siano riusciti a sopravvivere. Nel piccolo albergo avrebbe dovuto tenersi un concerto di musica tradizionale locale, con un noto cantante e si è evitato un bilancio molto più grave, perché il commando ha fatto irruzione quando ancora dovevano arrivare molti invitati. I talebani hanno sparato sui presenti ed è stato l’inferno: i terroristi si sono aggirati nei locali, stanza per stanza, in cerca degli stranieri. Al termine dell’assedio, la polizia è riuscita a mettere in salvo le 54 persone prese come ostaggio.
  Rivendicando la missione suicida, i talebani hanno parlato di un solo kamikaze in azione, un attacco però – hanno tenuto a far sapere – “accuratamente pianificato”. Il portavoce, Zabiullah Mujahid, ha aggiunto che il gruppo terrorista contesta la decisione della Nato di prolungare la missione in Afghanistan: “Non tollereremo la presenza degli invasori”. La Nato ha messo fine nel 2014 alla sua missione di combattimento in Afghanistan, l’Isaf, che è stata sostituita da gennaio da un contingente con il solo compito di formazione e addestramento delle forze armate locali. Dopo la decisione presa in Turchia, l’Alleanza Atlantica adesso deve concretizzare ancora in cosa consisterà la nuova missione.

Share

Leave a Reply