Anche Hollande rifiuta il piano Juncker delle quote per i migranti. Ma la Merkel lo frena

Anche Hollande rifiuta il piano Juncker delle quote per i migranti. Ma la Merkel lo frena

Il presidente francese Francois Hollande si è mostrato categorico nel corso della conferenza stampa con Angela Merkel a Berlino nel pomeriggio di martedì 19 maggio: “non è questione di quote di immigrati, perché noi abbiamo le regole sul controllo delle frontiere e politiche di controllo dei flussi migratori”. Hollande ha sostanzialmente sostenuto la posizione del primo ministro Valls che a Mentone aveva detto le stesse cose. Hollande ha anche aggiunto che i rifugiati chiedono l’applicazione veloce del diritto d’asilo piuttosto che le quote.  Hollande ha rigettato l’idea di Juncker e della Commissione UE di applicare le quote obbligatorie per assicurare una distribuzione equa dei rifugiati e dei richiedenti asilo tra gli stati membri dell’Unione Europea. Si tratta di una critica esplicita alla Commissione europea, il cui progetto di quote doveva servire a dare una mano a Italia e Grecia. Le parole di Hollande hanno tuttavia scatenato la reazione di Angela Merkel, che ha espresso il suo totale disaccordo con la posizione francese: “Sono ottimista sul fatto che possiamo pervenire prossimamente a una posizione comune franco-tedesca”, ed ha precisato che i ministri degli interni si troveranno a discutere “sulla base delle proposte della Commissione”. La Merkel ha aggiunto che “ci sono molte questioni che meritano di essere approfondite. Che fare di coloro che non hanno la possibilità di ricorrere al diritto d’asilo? Sono certa che su questo punto troveremo presto una posizione comune franco-tedesca”. Il piano della Commissione sarà discusso a Lussemburgo il prossimo 15 giugno, prima di essere sottoposto ai capi di stato e di governo al vertice di Bruxelles del 30 giugno.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.