Spara davanti al Teatro dove si celebrava il Congresso di Magistratura Democratica. Arrestato

Spara davanti al Teatro dove si celebrava il Congresso di Magistratura Democratica. Arrestato

Un uomo di 61 anni, residente a Ventimiglia ha sparato in aria due colpi d’arma da fuoco, provocando una situazione critica, davanti al Teatro Cilea Di Reggio Calabria, dove si stava svolgendo il Congresso di Magistratura Democratica. Momenti di estrema apprensione, non solo per il significato dell’appuntamento, che vedeva la presenza di magistrati di spicco e ad alto rischio, ma anche per la partecipazione, all’interno del Teatro, del ministro della Giustizia, Andrea Orlando. Per altro è stata proprio la scorta del ministro, insieme ai carabinieri in servizio davanti al teatro, a bloccare l’uomo dopo che aveva esploso i due colpi di 7,65. Dopo il fermo dell’uomo è scattato, immediato, il controllo e la perquisizione della sua abitazione sulle colline di Ventimiglia, dove lo sparatore, originario di Bergamo, si era trasferito da qualche anno. Fausto Bortolotti, 61 anni, questo il nome della persona fermata, aveva piccoli precedenti per furto e danneggiamento di auto, non viene considerato dalle forze dell’ordine un personaggio di particolare spessore. Fra le ipotesi quella che possa avere perso la testa. Sull’episodio il commento del ministro della Giustizia, Orlando: “Abbiamo avuto un pochino di preoccupazione quando abbiamo sentito i rumori ma poi ci hanno detto che l’autore è uno squilibrato”. Tra le motivazioni che avrebbero portato il Bortolotti a sparare una forma di risentimento nei confronti della giustizia per una questione personale. Anche se gli inquirenti ritengono il gesto al momento inspiegabile anche perchè Bortolotti trattenuto nella caserma dei carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria non ha detto ancora nulla sui motivi che lo hanno portato a sparare. L’uomo è in stato d’arresto per spari in luogo pubblico e detenzione e porto illegale d’arma e munizioni.

Share

Leave a Reply