Prescrizione, passa la legge in commissione ma la maggioranza si spacca

Prescrizione, passa la legge in commissione ma la maggioranza si spacca

È arrivata alla fine del suo percorso in commissione Giustizia della Camera la nuova disciplina sulla prescrizione. Il testo approderà già lunedì prossimo in Aula a Montecitorio. La commissione ha votato il mandato al relatore del ddl che stabilisce nuove norme sulla prescrizione, allungando in particolare i tempi per farla scattare per i reati di corruzione. Ma la decisione è stata alquanto sofferta ed ha provocato una vera e propria frattura nella maggioranza di Governo, che si è salvata solo grazie al soccorso di Sel. Infatti Alleanza popolare (ovvero Ndc e Scelta civica, ndr) ha votato contro. “Abbiamo dato parere contrario al mandato dei relatori sul ddl prescrizione. La commissione disconosce il lavoro del Governo, noi disconosciamo il lavoro di questa commissione. Siano Renzi e Alfano a trovare una mediazione», ha detto Alessandro Pagano, capogruppo in commissione Giustizia di Ncd-Ap.

Per il Pd è invece “una riforma equilibrata ma sostanziale – secondo la presidente della commissione Donatella Ferranti (Pd) – che potrà finalmente impedire lo scandalo di processi bloccati dalla tagliola del tempo. Processi che finiscono nel nulla dopo una o addirittura due sentenze di condanna”. “Finalmente, dopo dieci anni – rimarca Ferranti – mandiamo in archivio la ex Cirielli, una legge perniciosa che dimezzando i tempi di prescrizione ha creato vere e proprie sacche di impunità”.

Ecco le novità previste dal testo:
Prescrizione corruzione. Il termine di prescrizione base dei reati di corruzione propria e impropria e in atti giudiziari aumenta della metà. Per esempio, per la corruzione ex art. 319 portata dalla legge Severino fino a 8 anni, il processo dovrà intervenire entro 12 anni pena l’estinzione del reato.

Fermo lancette dopo condanna. La prescrizione resta sospesa per due anni dopo la sentenza di condanna in primo grado e per un anno dopo la condanna in Appello. La sospensione però non vale in caso di assoluzione.

Casi di sospensione. Oltre alle ipotesi già previste dal codice, la prescrizione sarà sospesa anche nel caso di rogatorie all’estero (6 mesi), perizie complesse (3 mesi) e istanze di ricusazione.

Prescrizione differita per minori. In linea con le convenzioni internazionali e gli ordinamenti europei, per i più gravi reati contro i minori (violenza sessuale, stalking, prostituzione, pornografia etc.) la prescrizione decorre dal compimento del quattordicesimo anno.

Entrata in vigore. Le nuove norme, dato che la prescrizione ha valore sostanziale, si applicano ai reati commessi dopo l’entrata in vigore della legge.

Share

Leave a Reply