Allarme bomba all’Aeroporto da Vinci: ordigno su un jet, ma è solo un errore

Allarme bomba all’Aeroporto da Vinci: ordigno su un jet, ma è solo un errore

Allarme bomba mercoledì sera all’aeroporto di Fiumicino su un volo della Niki, la compagnia aerea fondata dall’ex Campione di Formula 1, Niki Lauda, diretto a Vienna. A far scattare il dispositivo di sicurezza è stato un passeggero straniero che ha gridato “c’è una bomba a bordo” quando era già a bordo del velivolo. Come da procedura l’aereo è stato portato in una zona sicura dell’aeroporto dove tutti i passeggeri (82 più 6 dell’equipaggio ndr) sono sbarcati e controllati, mentre l’uomo che aveva lanciato l’allarme è stato bloccato dalle forze di sicurezza della Polizia di Stato. Si tratta di un cittadino di nazionalità slovena, convinto dal Comandante del velivolo, dopo una lunga trattativa, a consegnarsi alle forze di Polizia. Secondo quanto comunicato da fonti della Polaria non è ancora chiara la dinamica di quanto è avvenuto a bordo dell’aereo in partenza per Vienna. Gli agenti stanno cercando di verificare se alcuni passeggeri seduti vicino al 40enne abbiano scambiato un contapassi che l’uomo aveva al polso per una bomba o se il passeggero sloveno abbia detto loro che c’era una bomba a bordo, oppure se tra i passeggeri e l’uomo finito nei guai ci siano state solo incomprensioni legate ad incomprensioni linguistiche. Comunque sia secondo le prime ricostruzioni dei passeggeri seduti vicino all’uomo, si descrive quanto accaduto: spaventati, hanno allertato un’assistente di volo che ha riferito dell’eventualità di un ordigno sul volo al comandante. Il pilota ha così avvertito la torre di controllo facendo scattare le procedure d’emergenza. A tarda notte sono state completate le operazioni di verifica a bordo dell’aereo dove non è stato trovato nulla di sospetto. I passeggeri del volo Niki sono stati riuniti in una saletta dello scalo ed a loro sono stati forniti acqua e viveri. Successivamente i passeggeri sono stati invitati a riconoscere il proprio bagaglio per il controllo. La situazione di criticità ha determinato l’immediata attivazione delle procedure d’emergenza e tutti i voli in partenza ed in arrivo dallo scalo da Vinci, sono stati sospesi o dirottati verso altri aeroporti.

Share

Leave a Reply