Mafia Capitale, molti indagati passeranno il Natale in carcere

Mafia Capitale, molti indagati passeranno il Natale in carcere

Non usciranno dal carcere, come avevano chiesto, alcuni degli indagati dell’inchiesta denominata ‘Mafia Capitale’. Sono state infatti tutte confermate, con l’aggravante del metodo mafioso, le accuse per Franco Panzironi, che aveva diretto sotto l’Amministrazione Alemanno, la Municipalizzata per l’Ambiente Capitolina Ama e Luca Odevaine, ex Comandante della Polizia Provinciale di Roma e uomo di riferimento nella gestione dell’accoglienza degli immigrati al Viminale. Confermati, invece, i domiciliari per Rosanna Calistri, mentre è stata decisa la scarcerazione del Capo della Cooperativa Edera. Il Tribunale del Riesame di Roma ha inoltre decretato, insieme alla conferma della misura cautelare in carcere, per Panzironi ed Odevaine, anche quelle che riguardano gli imprenditori Cristiano Guanera e Giuseppe Ietto, oltre che della Segretaria di Salvatore Buzzi, Nadia Cerrito. In carcere resterà anche il funzionario Comunale, Claudio Turella. Il Tribunale, presieduto da Bruno Azzolini ha inoltre disposto l’annullamento dell’accusa di partecipazione all’associazione di stampo mafioso per Fabio Gaudenzi, che è stato destinato agli arresti domiciliari. Va detto infine che la libertà è stata restituita a Pierina Chiaravalle e Sandro Coltellacci, collaboratori del Ras delle Coop sociali, Salvatore Buzzi.

Share

Leave a Reply