In sordina due Regioni vanno al voto

In sordina due Regioni vanno al voto

Domenica prossima importante turno elettorale per rinnovare Presidenti e Consigli di Emilia Romagna e Calabria

Nuovo turno elettorale autunnale per due Regioni: Emilia Romagna e Calabria, dove i cittadini sono chiamati al voto per rinnovare Presidenti e Consigli regionali. Un solo giorno, il 23 novembre, per esercitare questo diritto e seggi aperti dalle 7 del mattino e sino alle 23. Dagli ultimi censimenti elettorali, in Calabria gli aventi diritto al voto sono oltre un milione e ottocentomila. La Calabria è stata chiamata al voto viste le dimissioni del Presidente della Giunta Giuseppe Scopelliti, che era stato eletto nel 2010. Cinque i candidati alla Presidenza che si sfideranno domenica prossima e ben 15 le Liste che li sosterranno. Questi i Candidati Presidenti: per il 5 Stelle in campo, Nucci Cantelmi, la Lista Tsipras schiera, è proprio il caso di dire, Domenico Gattuso, per il Pd che riceve anche l’appoggio di altre liste della sinistra, Mario Oliverio, uniti Forza Italia e Fratelli d’Italia, che si affidano a Wanda Ferro, mentre il Nuovo Centro Destra, insieme all’Udc propone Nico D’Ascola. Sondaggi autorevoli danno il centrosinistra saldamente in vantaggio, e, con ogni probabilità non ci sarà in Calabria alcun testa a testa tra i due candidati con maggior consenso. Più o meno lo stesso scenario per l’Emilia Romagna, che esce politicamente con le ossa rotte, dopo lo scandalo delle cosiddette spese pazze dei consiglieri regionali. I cittadini saranno chiamati a scegliere il successore di Vasco Errani. A sfidarsi nelle terre del ‘Grande Fiume’ sono Stefano Bonaccini per il Partito Democratico, Alan Fabbri, che raccoglie attorno a se i vessilli di Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia. Per il Movimento 5 Stelle, in campo Giulia Gibertoni, ed ancora Alessandro Rondoni per Nuovo Centro Destra e Udc. Poi due liste: quella guidata da Cristina Quintavalla per L’Altra Emilia-Romagna, derivazione della lista nazionale Tsipras-l’Altra Italia, e quella rappresentata da Maurizio Mazzanti con Liberi Cittadini. Anche in questa Regione, come in Calabria, il Centrosinistra, a meno di clamorose sorprese, non dovrebbe avere difficoltà ad affermarsi. Ma sarà necessario comunque leggere, all’indomani del voto i movimenti dei flussi elettorali, che potrebbero dare anche una indicazione ed una proiezione su scala nazionale.

Share

Leave a Reply