Caso Schwazer, Kostner deferita dalla Procura

Caso Schwazer, Kostner deferita dalla Procura

Si mette male per Carolina Kostner. L’ufficio della Procura Antidoping ha disposto il deferimento per la pattinatrice azzurra, a causa del riconoscimento delle sue responsabilità in merito agli articoli 2.8 e 3.3 delle Nsa. Per l’azzurra la richiesta è di 4 anni e 3 mesi di squalifica per il suo coinvolgimento nella vicenda che riguarda la positività di Alex Schwazer alla vigilia di Londra 2012. La Kostner è accusata di complicità; la sua colpa sarebbe quella di averlo coperto, nonostante lei sostenga di non aver saputo quali fossero le attività illecite di Schwazer. Il deferimento, invece, è arrivato perché la pattinatrice avrebbe “fornito assistenza e aiuto a Schwazer a eludere il controllo antidoping di Oberstdorf di fine luglio 2012, per la mancata collaborazione e per l’omessa denuncia di circostanze rilevanti”.

Gli altri deferimenti

La Procura ha deferito, oltre alla Kostner, anche tre dei quattro componenti della staffetta 4×100 azzurra, che vinse l’argento agli Europei di Barcellona 2010 con tanto di record italiano. I nomi sono quelli di Simone Collio (2 anni e 3 mesi), Maurizio Checcucci (2 anni) e Roberto Donati (8 mesi). Inoltre, il lavoro dell’Antidoping si è concluso con il deferimento di Michele Didoni, ex allenatore di Schwazer, non più tesserato e ormai fuori dallo sport, per il quale è stata richiesta un’inibizione di 3 mesi per mancata collaborazione con l’Ufficio della Procura Antidoping. Didoni rifiutò la convocazione del 7 ottobre nella quale avrebbe dovuto chiarire la sua posizione.

Share

Leave a Reply