Truffa e falso, nei guai due maestre elementari

Truffa e falso, nei guai due maestre elementari

Sequestro preventivo di beni immobili e somme depositate in banca per oltre 650mila euro.

La Procura della Repubblica di Velletri ha fatto eseguire alla polizia giudiziaria un sequestro preventivo per equivalente nei confronti di due dipendenti del Ministero della Pubblica Istruzione, responsabili, in concorso tra loro, dei reati di falso in certificazione, truffa aggravata e continuata ai danni dell’Inps per 677.322 euro.
Secondo la ricostruzione fatta dagli stessi ispettori dell’Inps le due indagate, maestre elementari e al contempo presidente e segretaria del comitato provinciale dell’Enam, ente di assistenza in favore dei maestri elementari, avrebbero nel corso degli anni confezionato falsi documenti intestati a 522 colleghi, facendo confluire sui propri conti correnti bancari il provento della truffa. La manovra fraudolenta si è scoperta perché sui conti bancari sono stati rinvenuti gli accrediti e le causali dei versamenti fatti dall’Enam prima e dall’Inps poi.
Analizzando i movimenti bancari delle indagate si è scoperto che le stesse avevano effettuato, con i proventi illecitamente ottenuti, diversi acquisti di titoli e prelevamenti in contanti incompatibili con i redditi di una maestra elementare.
In sede di esecuzione sono stati acquisiti beni immobili e somme di denaro depositate in banca. Sono in corso le indagini allo scopo di verificare ulteriori operazioni fraudolente, eventualmente poste in essere dalle indagate o da loro possibili complici.
Le indagini sono state condotte dal Commissariato Tor Carbone di Roma e dalla Guardia di Finanza di Frascati.
Share

Leave a Reply