Roma, sulle Unioni Civili, Pd pronto ad allargare la maggioranza

Roma, sulle Unioni Civili, Pd pronto ad allargare la maggioranza
“Siamo pronti ad allargare la maggioranza in Aula sul tema dei diritti civili a tutti i gruppi consiliari, a partire dalla delibera sulle unioni civili”. Così i capigruppo di Pd e Sel in Assemblea capitolina, Francesco D’Ausilio e Gianluca Peciola, in riferimento alle dichiarazioni di Davide Bordoni, coordinatore romano di Forza Italia, che aveva dichiarato la sua “disponibilità a dialogare” con la maggioranza sulla delibera per le unioni civili, calendarizzata in Aula.
Interlocutoria la posizione del Movimento 5 Stelle, protagonista in queste ore al Circo Massimo. Sul punto delle Unioni Civile da registrare la presa di posizione del Consigliere di Roma Capitale, Daniele Frongia: “Nella seduta dell’Assemblea Capitolina all’ordine dei lavori ancora una volta era presente la proposta di Deliberazione n. 96 per il riconoscimento delle unioni civili. Firmatari M5S e diversi consiglieri della maggioranza (PD-SEL).
Tuttavia la stessa maggioranza non sembra interessata a chiudere la partita sul tema come invece sembrava intenzionata a fare in campagna elettorale. Mancanza del numero legale, introduzione di nuovi argomenti nell’ordine dei lavori, questi gli strumenti utilizzati per rimandare la discussione.
I lavori dell’Assemblea sono paralizzati e lo saranno per altre settimane: il motivo? Parte della maggioranza non vuole discutere la delibera sulle unioni civili, la stessa maggioranza che l’aveva inserita nel programma elettorale e poi calendarizzata. Nel suo intervento – prosegue la nota di Frongia – il consigliere pentastellato dimostra matematicamente alla consigliera Imma Battaglia come tale delibera non verrà mai approvata, citando il paradosso di Zenone in cui il tempo di percorrenza per raggiungere il punto di una retta tende a infinito, chiedendole per questo motivo, di uscire dalla maggioranza, come da lei minacciato più volte.
Il M5S vuole rimarcare come tale modus operandi della maggioranza oltre a non produrre il risultato di avere l’approvazione del regolamento e l’istituzione del registro delle Unioni civili, produrrà la nefasta conseguenza di bloccare l’aula e Roma per mesi”.
Share

Leave a Reply