Consiglio dei Ministri pone la fiducia, dure critiche della sinistra del PD

Consiglio dei Ministri pone la fiducia, dure critiche della sinistra del PD

Il Consiglio dei ministri ha autorizzato l’esecutivo a porre la questione di fiducia al senato sul ddl Lavoro. Intanto, in attesa dell’atteso vertice con i Sindacati, il Governo, sulle materie del lavoro, deve registrare l’ennesimo avvertimento della minoranza del Pd. A Parlare, o meglio a twittare, è l’ex ministro dell’economia Stefano Fassina, che sul punto non fa alcuna retromarcia, anzi a leggerla è una vera e propria accelerazione, che non farà alcun piacere al Presidente del Consiglio, Matteo Renzi: “Se la delega resta in bianco è invotabile e con la fiducia conseguenze politiche”. E accanto a Fassina si è mosso nel pomeriggio anche Civati: “Il governo pare intenzionato a mettere la fiducia sulla legge delega che è già uno strumento che più fiduciario non si può. Una legge delega che tra l’altro è vaga, vaghissima e tutti possono leggervi quello che preferiscono. Sarebbe qualcosa a metà tra la provocazione spicciola e un esautoramento del Parlamento, nonché un segnale di debolezza, oltre che sul piano politico un segnale di profonda rottura”.

Share

Leave a Reply