Commissione Rodotà per la Rete: diritti o poteri alla corte dell’algoritmo?

Commissione Rodotà per la Rete: diritti o poteri alla corte dell’algoritmo?

La presidenza della Camera dei deputati ha insediato una prestigiosa commissione , presieduta dal professor Stefano Rodotà, per elaborare una bozza di nuova carta dei diritti della rete. Si tratta di un progetto ambizioso, che indubitabilmente mette il nostro paese, e specificatamente il suo Parlamento, in testa al convoglio di innovazioni sociali della Comunità Europea. Dal testo che è in discussione , e che meritoriamente è esposto ad un’azione di integrazione e di correzione pubblica, si intuisce che la rete debba essere promossa, diffusa, e normata, alla luce dei diritti individuali. Ma è davvero così? Davvero oggi il problema è diffondere e regolamentare la rete come fosse un condominio bizzoso? Davvero il rischio principale è che vengano violati diritti e guarentigie di individui e comunità per l’obliquo esercizio del potere di comunicare? O piuttosto, in questa fase della storia delle relazioni digitali quello che rischia di incrinarsi è l’autonomia cognitiva e relazionale di intere comunità che vengono ormai acquisite, come appalti pubblici, dalle potenze digitali che stanno monopolizzando i servizi sul web? Insomma è un problema di diritti formali o di poteri conflittuali?

E’ un nodo storico della politica. Contratto o conflitto? Legge o forza? Rawls o Schmitt ?

Di solito quando la politica si riconosce debole si ripara dietro alla formalizzazione di diritti teorici: la libertà di pensiero, di movimento, di organizzazione. Quando invece la politica è forte allora si prende di petto il nodo vitale: chi decide cosa.

  • Oggi siamo su uno strano crinale: la politica , o meglio la cosa pubblica, è fortemente ridimensionata nel senso comune, mentre la rete che è ormai lo spazio pubblico per definizione tende ad espandere la sua area d’azione distinguendosi e distanziandosi dalla sfera politica. E’ un bene , si dice, perchè lo stato, o ancora di più, i partiti, meno hanno a che fare con la rete e più quest’ultima rimane libera. Ma la rete nasce come gemmazione dello stato. Nasce attorno alle prime riflessioni di Giordano Bruno che nelle sue Opere Magiche scrive “nell’infinito spazio possiamo definire centro nessun punto, o tutti i punti:per questo lo definiamo sfera, il cui centro è ovunque”. E poi diventa arte di governo con Machiavelli che parla di potere “bifocale” dove principe e popolo, reciprocamente, devono riconoscersi relazionandosi quotidianamente. E procede con il pensiero razionalistico di Galileo e Spinoza.Arrivando al protagonismo dello stato americano che con Vannuvar Bush nel 45 teorizza l’avvio di una nuova economia del sapere veloce, e poi con le commesse pubbliche       che ,parallelamente alle università americane della costa occidentale, danno sostanza e sfondo alla suggestione della mobilità dei pensieri er dei comandi. La rete è statualità concentrata.Così come Lenin diceva che il socialismo era soviet più elettrificazione, oggi potremmo dire che la democrazia è connettività più decisione. Come spiega Castells “i media digitali non sono il quarto potere, essi sono lo spazio dove si costruisce tutto il potere”. Ma tutta qweusta gigantesca macchina di nuova potesta civile da chi viene condotta? Già calòvino nelle sue Lezioni Americane intui’ la risposta “dal software”. Tutti i nostri pensieri sono oggi filtrati, mediati, formattati e trasmessi da algoritmi, a cui tutti i giorni noi affidiamo le nostre funzioni cognitive più pregiate. Ma a quali algoritmi? A quelli dei nuovi potentati oligopolistici della rete: Google, Facebook, Apple, Twitter. Sono loro che oggi capitalizzano e riconfigurano i nostri pensieri. E non è questa la vera partita democratica che va giocata? L’Europa, e con essa gli stati nazionali non devono oggi assicurare, nel ripensare il patto       fra governanti e governati sulla rete,ai propi cittadini autonomia e sovranità nelle mille azioni discrezionali che nmecessariamente si trovano a dover delegare ai samurai digitali? Forse più che continuare a predicare la diffusione di un sistema di trasporto, come è la rete, limitandosi a regolare parcheggi e traffico, e magari anche la riservatezza con cui vengono negoziati i biglietti dei pedaggi, sarebbe il caso di definire modalità con cui ogni automobilista possa andare realmente dove vuole lui e non dove loo conduce la strada. “Google ha una quota nel mercato delle ricerche sul web più alta in Europa che non negli Stati Uniti: 90 per cento rispetto al 68%. Da questa banale considerazione è partito il minostro della giustazia tedesco Heiko Haas, per chiedere a Google di rendere pubblico il suo algoritmo .Spiega Haas «il suo straordinario potere sui consumatori e gli operatori del mercato deve essere negoziato e contenuto per evitare che si abusi di questo potere».
  • E’ esattamente la lezione che ci consegna il secolo scorso, il secolo della fabbrica fordista. Si negoziano prima i poteri e le potenze e poi si formalizzano i diritti e le norme.Sopratutto si individuano i soggetti negoziali, e i luoghi del confronto per dare concretezza e materialità al negoziato. Sarebbe davvero singolare montare una grande enfasi sui diritti della rete e non acquisire la consapevolezza di chi siano i soggetti poi in grado di farli valere:Davvero gli stati nazionjali oggi hanno potere negoziale rispetto agli imperi del soft6ware? E perchè non lo fanno valerer sul terreno fiscale che a loro sta particolarmente a cuore? Perchè non riescono a mordere, perchè la transnazionalità del mercato digitale gli sottrarre l’interlocutore. Allora potrebbe essere l’ Unione Europea il castigamatti, il grande vendicatore del dominio dell’ algoritmo.
  • Ma davvero pensiamo che un soggetto composito dove interi stati sono ormai ostaggio delle offerte di Google e Amazon, pensiamo ai balcani o anche ai paesi baltici, possa entrare nel merito del conflitto di potere che si gioca sulla natura e la mission dei sistemi digitali? Sono quesiti che non si ritrovano nel lavoro della commissione Rodotà. Così come non si vedono gli spazzi per dare corso all’unico vero negoziato che al momento most6ra di poter realmente costringere i grandi imperi tecnologici ad una vera relazione paritaria con il mercato: penso al ruolo che possano avere le comunità territoriali , le grandi città, i circuiti delle smart city nell’abilitare o nel non riconoscere soluzioni digitali che arrivano in busta chiusa dalla California. Forse in quella direzione dovrebbe essere pensato uno statuto che assegna a territori e comunità metropolitane i poteri che reclama il ministro tedesco Haas: aprire glki algoritmi e guardarci dentro.
  • Se non c’è questo stiamo lavorando ancora per il nuovo Re di Prussia.

Michele Mezza

Share

Leave a Reply