Renzi alla Camera: “Mille giorni”, ultima chance per l’Italia

Renzi alla Camera: “Mille giorni”, ultima chance per l’Italia

Renzi non teme il confronto con gli italiani e propone un percorso di riforme finalizzate a capovolgere la storia di questa legislatura e a rimettere in pista l’Italia. E’ quanto ha dichiarato oggi alla Camera durante l’informativa urgente sul programma dei Mille giorni. 

A fianco dell’Italia fino a febbraio 2018

Il premier fissa i suoi obiettivi fino alla scadenza naturale della legislatura e afferma che entro febbraio 2018 intende portare l’Italia verso nuovi traguardi di crescita.  Matteo Renzi dichiara alla Camera che non basta interrompere la caduta, ma continuare a implementare i settori nevralgici del  nostro paese, come il mercato del lavoro. 

Rilanciare l’occupazione per far migliorare il paese

Noi siamo con l’Italia che si spezza la schiena–  afferma il premier- Abbiamo bisogno di reimpostare e rovesciare la scommessa politica e economica di questo paese” prosegue, centrando la mira sugli occupati, che devono continuare ad aumentare, dopo gli 83mila profili in più registrati nell’ultimo anno.

Alla fine dei ‘Mille giorni’, spiega il premier, avremo “un fisco piu’ semplice, meno complesso”, “una legge sui diritti civili” e una riforma della giustizia “che deve cancellare il violento scontro ideologico del passato”.

Nonostante l’allarme da parte dell’Ocse sulla recessione del nostro paese, il sottosegretario Graziano Delrio ha dichiarato: “Il governo non vuole caricare di nuove fatiche gli italiani ma vuole trovare risparmi nella riorganizzazione dello Stato”. 

L’opposizione attacca: “E’ una pagliacciata”

L’ex viceministro dell’Economia, Stefano Fassina, attacca il premier Matteo Renzi su twitter. “Vuole lavoratori di serie C” e “come Monti e la destra” intende scaricare “sui padri sfigati” il dramma del lavoro dei “figli ancora più sfigati”: questo è il duro intervento di Fassina sul discorso alla Camera di questa mattina. 

“Non mi capacito di come il presidente del Consiglio ci faccia perdere il nostro tempo così. Sarebbe stato piu’ utile che ci avesse cantato una canzone che scalda il cuore”, accusa il deputato M5S Andrea Cecconi, mentre il vicepremier e leader di Ncd Angelino Alfano afferma: “Su giustizia e lavoro Renzi coraggioso e riformatore. Solo un governo con dentro il Nuovo Centrodestra puo’ e potra’ realizzare queste svolte”.

Valutazioni negative anche da Forza Italia. Renato Brunetta accusa Renzi di “populismo, cui non segue concretezza, non seguono i fatti. Basta con l’aria fritta e con le illusioni”.

Alle 18.30 Matteo Renzi ufficializzera’ la nuova segreteria Pd.

 

Share

Leave a Reply