Ponferrada 2014: ecco la lista dei 16 pre-convocati da Cassani

Ponferrada 2014: ecco la lista dei 16 pre-convocati da Cassani

I Mondiali di Ponferrada 2014 (21-28 settembre) sono alle porte, e in casa azzurri fervono i preparativi per costruire una nazionale in grado di sorprendere gli avversari, quando le porte si spalancheranno definitivamente lasciando agli atleti l’onere di infiammare la corsa. Il Ct Davide Cassani, al suo primo Mondiale in ammiraglia dopo averne corsi nove alla corte di Alfredo Martini, ha diramato questa mattina la lista dei 16 pre-convocati che si giocheranno la possibilità di stregarlo e di strappare quindi un biglietto per Ponferrada. La stella della formazione, neanche a dirlo, sarà Vincenzo Nibali, affiancato da Fabio Aru, Giovanni Visconti e Matteo Trentin. Per il 18 settembre è attesa la lista definitiva dei 9 corridori più 2 riserve.

Prende forma la prima nazionale targata Davide Cassani. La lista diramata rispetta le attese: accanto al duo dell’Astana formato da Vincenzo Nibali (vincitore del Tour de France 2014) e Fabio Aru (podio al Giro d’Italia 2014 e già vincitore di due tappe alla Vuelta a España in corso) ci sono Giovanni Visconti, Matteo Trentin, il cacciatore di tappe Alessandro De Marchi e Damiano Caruso, autore di un’ottima Vuelta. Non manca ovviamente nemmeno l’esperienza, necessaria in queste competizioni, di Daniele Bennati, Manuel Quinziato e Giampaolo Caruso, pronti a gestire la corsa evitando spiacevoli sorprese. Accanto a questi atleti, probabilmente favoriti per un posto da titolare, ce ne sono altri sette – Giacomo Nizzolo, Sonny Colbrelli, Filippo Pozzato, Alessandro Vanotti, Edoardo Zardini, Enrico Gasparotto e Matteo Rabottini – pronti a convincere Cassani che la maglia azzurra si sposa perfettamente con il loro tono muscolare. Il Trittico Lombardo (Bernocchi, Agostoni e Tre Valli Varesine) sarà il campo di battaglia ideale per destabilizzare i piani del cittì: al termine della Tre Valli, infatti, emergeranno gli 11 definitivi che voleranno a Ponferrada. Per quanto riguarda le altre prove, invece, Dario Cataldo e Adriano Malori proveranno a tenere alta la bandiera dell’Italia nella cronometro, mentre la Bronzini e la Longo Borghini daranno filo da torcere nella lotta all’iride in campo femminile.

I corridori professionisti si affronteranno sul circuito iridato lungo 18,2 chilometri, da percorrere ben 14 volte, per un totale di 254 chilometri. Dislivello totale: 4.284 m, con due salite in programma, la più dura con punte dell’11%. Dalla cima dell’ultima ascesa mancheranno soli 5 chilometri, di cui 4 in discesa. Gli ultimi 1.000 m saranno in pianura: a quel punto non ci resta che sperare di vedere, attraverso le telecamere fisse dal traguardo, un atleta vestito d’azzurro nelle prime posizioni. Tra l’altro, sulla maglia dell’Italia, spiccherà il particolare della firma-autografo di Alfredo Martini, grandissimo personaggio del ciclismo italiano, scomparso il 25 agosto scorso. Speriamo che Alfredo ci benedica dall’alto.

 

Lando Peda

Share

Leave a Reply