Oklahoma, decapitata perché non voleva convertirsi all’Islam

Oklahoma, decapitata perché non voleva convertirsi all’Islam

Non solo bombardamenti e minacce di atti terroristici. Il momento di tensione con l’Islam arriva fino alla gente comune. In Oklahoma, quest’oggi, un uomo ha decapitato una donna dopo una violenta lite nell’azienda dalla quale era stato appena licenziato. Chiaro il motivo dello scontro e della drammatica tragedia: l’uomo voleva convertire i suoi colleghi all’Islam, motivo per il quale era stato allontanato dallo stabile. Oggi per, nella cittadina di Moore, come riferisce la Cnn, il disastro: urla, scontri, fino alla decapitazione e alle minacce di morte ad un’altra donna, finchè un poliziotto è dovuto intervenire a colpi di pistola per fermare l’aggressore, che è stato trasportato in ospedale dove è tutt’ora ricoverato per le ferite, anche se non è in pericolo di vita. Le forze dell’ordine locali hanno richiesto l’aiuto dell’FBI per le indagini nel tentativo di capire se l’uomo agisse da solo o se avesse legami con qualche tipo di associazione di stampo estremista.

Share

Leave a Reply