Marchionne: “L’Italia ce la farà”

Marchionne: “L’Italia ce la farà”

Arrivano da New York le dichiarazioni di Sergio Marchionne a commento della stangata dell’Ocse che ha tagliato la stima sul pil dell’Italia al -0.4%. L’ad di Fiat si è detto positivo sul futuro del nostro Paese, anche se ancora non saprebbe dire come e quando rialzeremo la testa. Dopo aver ritirato un premio dell’Institute of International Education, ha sottolineato che “l’unica cosa per creare crescita sono gli investimenti. Non riusciamo ad attirare abbastanza capitali esteri”. Inoltre ha invitato il premier Renzi a visitare la realtà Fiat Chrysler nel suo prossimo viaggio a Detroit per mostrargli in che modo sono stati risanati i bilanci della società. Duro anche per quello che riguarda i limiti che vengono posti alle start up italiane: “Il concetto di start up in Italia non mi piace molto, vengono imposti limiti. Qui invece (Usa n.d.r.) si riescono a creare le cose dal nulla”.

Immancabili le domande sull’avvicendamento in Ferrari con Luca Montezemolo, domande a cui Marchionne risponde con serenità e toni riappacificatori dopo i duri scontri dell’ultima settimana. Ringrazia quindi l’ex presidente del Cavallino, chiedendo del tempo per riorganizzare l’azienda e scherzando su come si presenterà all’ingresso in Wall Street: “In Maserati, non in Ferrari”.

Share

Leave a Reply