Malta, nuova tragedia in mare

Malta, nuova tragedia in mare

Nuova tragedia al largo delle acque maltesi. Un barcone di migranti è naufragato in mare, in territorio di competenza de La Valletta. Dalle notizie che trapelano, non si conosce il numero esatto di persone a bordo, ma sarebbero stati recuperati già tre cadaveri e sette superstiti, tra cui alcuni bambini. Alle ricerche, coordinate da Malta, stanno partecipando anche un elicottero della guardia costiera italiana e uno della Marina greca. I primi soccorritori stanno trasportando i superstiti a Creta, ma i primi sopravvissuti al naufragio avrebbero orlato di altre 400 vittime.

Intanto quella di ieri è stata una nuova giornata di sbarchi anche per l’Italia. Sulle sole coste siciliane in 24 ore sono approdate più di 1500 persone, recuperate in diverse azioni dalle navi di Mare Nostrum. A Catania sono stati fermati quattro presunti scafisti, ipotizzando per loro il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e incolpati dello sbarco di 82 migranti nel porto del capoluogo etneo.

In mattinata sono arrivate anche le parole del presidente della Camera, Laura Boldrini, riguardo l’operazione Mare Nostrum, definendola “importantissima: salvare vite in mare è un imperativo etico, anche se poi servono anche altre azioni. Mare Nostrum da sola non basta, sono necessari accordi con i Paesi di transito perché si faccia uno screening dei richiedenti asilo, che poi devono essere smistati nei vari Paesi europei che devono farsene carico”.

Share

Leave a Reply