Jens Voigt, addio con il nuovo record dell’ora

Jens Voigt, addio con il nuovo record dell’ora

Il tedesco Jens Voigt ha chiuso ieri in bellezza, con il nuovo record dell’ora nel velodromo di Grenchen in Svizzera, una carriera iniziata nel 1998 costellata da 66 vittorie, 6 figli, 17 partecipazioni consecutive al Tour de France, 2 giorni in maglia gialla e tanto amore dato e ricevuto dagli appassionati del ciclismo. Voigt ha polverizzato il precedente record di Sosenka (49,700 km), percorrendo 51,115 km in sessanta minuti, grazie alle sue capacità di soffrire e di resistere che nel corso della carriera gli hanno regalato fughe memorabili e lo hanno reso uno dei personaggi più stimati del panorama ciclistico internazionale.

Caricato da un pubblico caldissimo, il tedesco ha meritato di chiudere con questo grande record che lo consegna direttamente alla storia e nobilita ulteriormente il suo palmares, che può contare tantissimi altri momenti unici e irripetibili come ha lui stesso sottolineato al termine dell’ultima corsa in linea pedalata: “Chi può dire di aver pedalato per 20 km al Tour de France in sella a una bicicletta per bambini? Chi può dire di essere stato portato via in elicottero (dopo un brutto incidente) ed essere tornare a correre dopo sole 12 settimane? Chi ha sei figli e ha continuato a essere un atleta di livello? Molti momenti della mia carriera, come questi, hanno ispirato la gente”. Sul suo futuro, poca chiarezza, e ancora tanta ironia: “Se potessi scegliere liberamente, andrei al mio negozio di libri: un lavoro tranquillo e non faticoso. O magari potrei firmare con la Discovery Channel per realizzare documentari su leoni e squali.

Giacomo Pesci

Share

Leave a Reply