Cantone: “La corruzione blocca il mercato e l’innovazione”

Cantone: “La corruzione blocca il mercato e l’innovazione”

“La corruzione è uno strumento anticoncorrenziale per eccellenza, che blocca il mercato e l’innovazione”. E’ questo uno dei passaggi della “Lectio Magistralis” che il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, ha tenuto questa mattina a Latina su invito del sindaco, Giovanni Di Giorgi. L’incontro, che rientra nell’ambito delle iniziative promosse dal Comune di Latina per il programma di attuazione del “Piano per la prevenzione della corruzione, per la trasparenza e l’integrità”, ha avuto come tema: “Anticorruzione e trasparenza, presidio dei principi costituzionali di legalità, buon andamento e imparzialità della Pubblica Amministrazione”. Nel foyer del teatro “Gabriele D’Annunzio” di Latina erano presenti autorità locali e nazionali, tra cui il prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro e il sottosegretario Maria Teresa Amici. Secondo Cantone: “La corruzione non si vede, non fa morti, si tratta del modo che i più furbi e i più scaltri hanno di passare avanti”. “Su tre passaggi – ha detto ancora il Presidente Cantone – nasce il lavoro dell’Autorità anticorruzione, il cui compito non è di scoprire la corruzione, ma di verificare che questi tre passaggi vengano controllati ed osservati per prevenirla o almeno ostacolarla”. Uno dei nostri compiti è “identificare i settori sensibili e controllarli meglio. Dobbiamo responsabilizzare la pubblica amministrazione. Controllare le nomina dei soggetti adibiti a ruoli di controllo sulla corruzione; fare in modo che le nomine dei soggetti responsabili dell’anticorruzione nella Pubblica amministrazione siano fatte in modo differente. Aumentare la collaborazione con le scuole della P.A. per lavorare meglio sulla formazione rivolta all’integrità”. Poi “occorre incentivare il meccanismo degli open data” e “si deve lavorare sulle norme dell’integrità delle persone. Puntare sull’integrità, o almeno provare eliminando conflitti di interesse, escludendo soggetti condannati a ricoprire incarichi di responsabilità. Inoltre le sanzioni “reputazionali” sono più efficaci di una multa”. Cantone ha inoltre aggiunto: “La corruzione non è più rappresentata dalla cosìddetta “mazzetta” come siamo abituati a definirla comunemente, ormai questo termine è fuori moda, adesso esistono altri sistemi meno materiali ma comunque efficaci. Le tangenti vengono ormai nascoste attraverso altri sistemi di compensazione come i massaggi nei centri benessere, favori di vario tipo, assegnazioni, ecc… Finora si è tentato di occultare tutto e nel miglior modo possibile”.

Share

Leave a Reply